Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Facebook Pixel [noscript]” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Per tanti italiani è arrivato il momento di andare in vacanza e godersi le meritate ferie all’insegna del relax.
Tra pernottamenti, intrattenimenti, pranzi e acquisti vari, non mancheranno le spese da affrontare.
Ognuno di noi prima della partenza si pone queste domande: quanti contanti devo portare in vacanza? Porto la mia carta di credito, ma se poi me la rubano?
E’ bene tenere a mente alcuni accorgimenti per un uso sicuro delle carte di pagamento per evitare di trovarsi vittime di brutte sorprese.
Ecco a voi alcuni consigli, in vista della partenza estiva, sull’uso alternativo al contante.

Pagamenti più sicuri: carta o contante?

Se si viaggia in paesi in cui è possibile pagare con la carta, si dovrebbe prediligere questo metodo piuttosto che spostarsi con un’elevata somma di contanti in tasca. Accertiamoci prima di tutto, che siano abilitate al funzionamento nel Paese in cui si vuole andare in vacanza.

Consigliamo perciò di non portare con sè troppo denaro contante per evitare furti sotto l’ombrellone o nei luoghi affollati di vacanza e divertimento. Prima di partire, verifichiamo che la banca non applichi maggiorazioni sui pagamenti in valuta estera.

Prelievi sicuri dallo sportello Atm

Sotto l’ombrellone, in montagna o a passeggio nelle città più turistiche è preferibile avere meno contante in tasca e pagare in maniera comoda e sicura con carte di credito, Bancomat e pre-pagate. Ma se non possiamo fare a meno, ricordiamoci di:

  • Memorizzare il codice Pin, piuttosto che conservarlo vicino alla carta, per evitare che in caso di furto o smarrimento sia facilmente individuabile.
  • Quando si fa rifornimento di contante, inoltre, è bene accertarsi sempre che non ci siano installazioni anomali sugli sportelli o sguardi indiscreti di persone che possano memorizzare il nostro codice segreto (meglio digitare il numero coprendo la tastiera con l’altra mano).

Occhio a scadenza, firma ed estratto conto

  • Prima di partire ricordiamoci di  verificare scadenza e plafond di spesa della propria carta di pagamento: in questo modo eviteremo di portarci in vacanza una carta inutilizzabile perché scaduta o perché abbiamo esaurito la somma disponibile. La data di scadenza è indicata sulla carta, mentre le informazioni sul plafond sono scritte sul contratto o si possono chiedere alla propria banca.
  • Quando si fanno acquisti, è buona norma controllare sempre l’importo prima di digitare il proprio codice segreto o firmare la ricevuta della carta.
  • È utile conservare le ricevute di pagamento e controllare l’estratto conto per rilevare eventuali spese non autorizzate. Le operazioni sospette vanno segnalate subito alla propria banca. Un aiuto può fornirlo l’app della tua banca per monitorare i movimenti e le uscite sul tuo conto bancario in tempo reale. Ciò consente di tenere sotto controllo la situazione ovunque tu sia.
  • La carta di credito va sempre firmata sul retro in modo da rendere più difficile la falsificazione della firma in caso di furto o smarrimento.
  • Nei luoghi che non si frequentano abitualmente, meglio non perdere mai di vista la carta di credito al momento dei pagamenti: un po’ di distrazione potrebbe agevolare eventuali “malintenzionati”. In generale la buona regola è quella di non perdere mai di vista la propria carta di pagamento.

Pagamenti all’estero

Attenzione al tasso di cambio! Quando si viaggia in paesi con valuta diversa, è utile conoscere il tasso di cambio con l’euro. E’ consigliabile arrotondare  per comprendere il valore e ricordarsene; in questo modo si potrà decidere dove è più conveniente cambiare i soldi.

Da evitare di cambiare i soldi in aeroporto poiché i tassi di cambio sono solitamente più svantaggiosi che quelli in città e spesso applicano una commissione maggiore. E’ bene portarsi solo il minimo indispensabile in contanti da usare solo dove non accettano i pagamenti con la carta.

Prenotare le vacanze via internet

Sempre più sono gli italiani  che acquistano pacchetti-vacanze, voli o soggiorni in albergo e villaggi turistici via internet. Le carte di pagamento sono il mezzo più comodo e veloce per queste spese. Meglio quelle prepagate, che ricarichiamo della somma strettamente necessaria.

  • In questi casi, prima di inserire i dati è buona norma verificare che il sito offra una connessione protetta. Come possiamo saperlo? Basta osservare l’ indirizzo che comincia con “https:” e non con “http:”, e dal lucchetto presente nella parte in basso a destra della pagina.
  • Molte banche, per rendere più sicuri i pagamenti online, dispongono di un sistema che consente di fare acquisti via internet senza inserire i dati della propria carta.

Carte pre-pagate: cosa sono e a cosa servono

Una soluzione pratica e sempre più diffusa soprattutto tra i giovani che ancora non hanno un conto corrente, è la carta prepagata. Ci sono due tipologie di carta prepagate: le carte usa e getta e quelle ricaricabili.

Le carte prepagate usa e getta possono essere utilizzate fino a quando non si esaurisce il credito al loro interno, dopodiché si possono cestinare.

La carta ricaricabile, invece, può essere ricaricata del credito ogni volta che si ha bisogno di utilizzarla. Si può ricaricarla sia tramite il trasferimento del denaro dal proprio conto corrente, sia utilizzando i contanti agli sportelli della banca di emissione della carta.

Solitamente hanno un tetto massimo di spesa limitato, in genere non supera i 2.000-2.500 euro, comode per i propri figli che non hanno l’esigenza di aprire un conto corrente e vogliono tenere sotto controllo le proprie spese, e per tutti coloro che preferiscono non usare la propria carta di credito in giro per il mondo.

Cosa fare in caso di furto o smarrimento della carta di pagamento?

Anche in vacanza, purtroppo, può capitare di smarrire o di subire il furto della propria carta. Vediamo cosa fare per tutelarti e agire per tempo.

  • Un ottimo modo per proteggere il proprio conto è impostare un limite giornaliero per i prelievi e i pagamenti. Durante i viaggi si è più esposti alle truffe e un controllo giornaliero all’ app del proprio conto può evitare spiacevoli sorprese.
  • Un altro consiglio fondamentale è di avere sempre a portata di mano il numero nazionale o internazionale da contattare per bloccarla immediatamente, evitando che possa essere usata per acquisti a nostra insaputa.
  • Quasi tutte le banche offrono un servizio di alert che avvisa istantaneamente il cliente tramite sms non appena viene utilizzata la carta o il bancomat. Se ancora non ce l’hai, chiedi di attivartelo prima della partenza.

Non abbassiamo mai la guardia anche quando siamo in vacanza.  Ricordiamoci di monitorare con particolare attenzione il nostro conto per evitare eventuali addebiti non autorizzati e movimenti anomali. Se hai subìto addebiti anomali, il nostro team è a disposizione per indirizzarti al meglio su come recuperare i tuoi soldi.



Iscriviti alla Newsletter

Categorynews
Lascia un commento:

*

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.

Il sito utilizza strumenti interni e di parti terze, anche profilanti (Google, Facebook); fa uso anche di cookies tecnici per il gestionale interno e le statistiche anonime. Non accettando i cookies potrai continuare ad usare il sito ma potrà apparire leggermente diverso.

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.