Come è possibile che uno dei prodotti di risparmio più amato dai cittadini italiani si trasformi in un incubo che trascina nella disperazione migliaia di famiglie?

Perché i placidi Buoni Postali si trasformano improvvisamente in un orco?

Tutto comincia qualche anno fa, nel 2000 esattamente, quando un decreto ministeriale cambia le regole, introducendo variegate scadenze per i buoni postali e creando un documento, detto FIA – Foglio delle Informazioni Analitiche.

Viene meno la radicata certezza che i buoni postali avessero durata ventennale e che la data di scadenza fosse sempre indicata sui titoli.

Nel frattempo i consumatori acquistano buoni di durata inferiore, e il tempo passa.

Al momento dell’incasso i risparmiatori si sentono rispondere allo sportello che il titolo è prescritto.

Le cose però non stanno come ce le raccontano.

Molte sentenze e molte decisioni dell’Arbitro bancario riconoscono il diritto al risarcimento per il consumatore nel caso in cui Poste non abbia rispettato le regole di informazione e di trasparenza.

Prima di strappare con (legittima) rabbia i buoni postali, facciamo alcune verifiche: la serie di emissione, le informazioni riportate sul buono, la consegna del FIA ecc.

Se Poste ha mancato in informazioni e trasparenza, è possibile superare il muro della prescrizione.

Avv. Massimo Melpignano
melpignano@studiomelpignano.it

Per informazioni contattare:
080.5021132 – 370.3433036
info@studiomelpignano.it



Iscriviti alla Newsletter

CategoryBlog, news
Lascia un commento:

*

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.

-=-